Borracce: come sceglierle

by Emanuela Calatti

In un’epoca in cui ecologia, sostenibilità e attenzione per l’ambiente sono argomenti sempre più sentiti, la borraccia, come alternativa alle bottigliette di plastica, è diventato un oggetto sempre più di utilizzato. Una borraccia riutilizzabile, oltre ad essere sostenibile, è decisamente più igienica che non riutilizzare più volte la stessa bottiglietta di plastica, che essendo nata per un utilizzo monouso, non è facilmente igienizzabile e può quindi favorire lo sviluppo di batteri al suo interno.

Prima di acquistare una borraccia però occorre avere ben presente l’utilizzo che se ne intende fare e, in base a questo, valutare alcuni fattori quali la robustezza del materiale, il diametro del collo (se si pensa di utilizzarla in situazioni, come lo sport, in cui non si ha a disposizione un bicchiere o una tazza, un diametro troppo grande potrebbe rendere difficoltoso bere), la facilità di apertura, il fatto che abbia o meno un isolamento termico, la possibilità di metterla in lavastoviglie, il fatto che la chiusura sia ermetica, la capacità e il peso (che dipende molto dal materiale di cui è fatta).

Chiusura a vite o tappo apri e chiudi?

Le borracce più diffuse presentano la classica chiusura a vite, resa ermetica da un anello in silicone di cui è bene controllare periodicamente la condizione per evitare che la borraccia inizia a perdere. Se messe in borsa o nello zaino, è bene controllare sempre la tenuta del tappo per evitare perdite. Si tratta in genere di borracce economiche ma che non si rivelano troppo comode per i bambini o in situazioni in cui non è possibile utilizzare entrambe le mani. In questi casi più comode sono le borracce con tappo apri e chiudi: sono principalmente borracce sportive  ma che vanno molto bene anche per i bambini. Le chiusure apri e chiudi si possono trovare con beccuccio pull&push, con beccuccio a baionetta, con tappo meccanico oppure a scatto.

Nel caso la borraccia venga utilizzata da bambini è sempre meglio verificare l’assenza di parti che si possano staccare ed essere ingerite in modo accidentale.

I materiali

Un aspetto non sempre molto considerato ma a cui è fortemente legata la salubrità della nostra borraccia è il materiale con cui è realizzata.

Plastica

Leggerezza ed economicità sono sicuramente i pregi di questo materiale ma attenzione a non puntare troppo al risparmio! Un prezzo molto bassa potrebbe essere sinonimo di scarsa qualità della plastica e una plastica di cattiva qualità potrebbe rilasciare sostanze dannose per la salute, oltre ad alterare i sapori dei liquidi contenuti nella borraccia. Questo pericolo non deve comunque impensierire più di tanto in quanto esistono leggi comunitarie che misurano e definiscono i livelli massimi accettabili per le sostanze ritenute nocive per la salute.

Le borracce in plastica sono solitamente adatte a contenere qualsiasi tipo di liquido, anche caldo, e possono essere lavate in lavastoviglie. Meglio comunque controllare sempre le indicazioni sulla confezione in quanto un uso o una manutenzione scorretta potrebbero usurare più in fretta la borraccia.

Acciaio

Resistente e inossidabile, è al momento il materiale migliore per le borracce. Idoneo a contenere praticamente qualsiasi bevanda in quanto relativamente inerme a tutto ciò con cui viene in contatto e in caso di caduta il rischio più grande è qualche ammaccatura. Essendo inossidabile non richiede nessun rivestimento interno che potrebbe andare incontro ad usura nel tempo. Trattandosi inoltre di un materiale inerme, non conserva odori o sapori di quanto contenuto in precedenza e, se pulito regolarmente, non favorisce lo sviluppo di muffe e batteri.

Punto a sfavore è il peso, sicuramente più importante rispetto ad una borraccia di plastica.

Le borracce in acciaio possono essere tranquillamente lavate in lavastoviglie ma, anche in questo caso, è sempre bene verificare le indicazioni in confezione perché l’abbinamento a rivestimenti o altri materiali potrebbe precludere questa possibilità.

Alluminio

Più leggero rispetto all’acciaio, non è però inossidabile e questo fa sì che necessiti di un rivestimento protettivo interno. Oggi si usano principalmente rivestimenti ceramici, che hanno una buona resistenza all’usura e hai danni meccanici (in caso di cadute, il rischio è che il rivestimento interno si stacchi o si danneggi) e che non alterano i sapori del contenuto. Al momento dell’acquisto verificare bene le indicazioni, in quanto alcune borracce in alluminio potrebbero non essere idonee a contenere liquidi acidi (come i succhi di frutta) oppure quelli grassi (ad esempio il latte) o anche le bevande calde in generale.

Vetro

Per quanto il vetro sia un ottimo materiale perché inerte dal punto di vista chimico, presenta più di uno svantaggio: in primis il peso, decisamente superiore rispetto a plastica e acciaio ed è inoltre decisamente più fragile. Le borracce in vetro sono solitamente fatte in borosilicati, quindi possono contenere tranquillamente sostanze calde senza rompersi per lo sbalzo termico e non hanno problemi con sostanze acide o grasse.

Quindi, riassumendo, ecco i pro e i contro dei diversi materiali:

MATERIALE PRO CONTRO
Plastica -Leggerezza
-Economicità
-Lavabili in lavastoviglie
-Possibile alterazione dei sapori del   contenuto
Acciaio -Inerte - può contenere qualsiasi sostanza
-Non trattiene odori o sapori dai precedenti utilizzi
-Lavabile in lavastoviglie
-Più pesante rispetto agli altri materiali
Alluminio -Leggerezza
-Non altera i sapori
-Non è inossidabile
-Non idonee a tutti i tipi di sostanze
Vetro -Adatte a contenere qualsiasi liquido
-Non altera i sapori
-Materiale pesante
-Fragilità

Quando acquistate una borraccia quindi non considerate solo la parte estetica ma cercate di capire quale materiale, quale tipo di chiusura si adattano meglio alle vostre esigenze, se vi basta una borraccia semplice o meglio una termica che mantenga a lungo la temperatura del contenuto. Pensate bene quale utilizzo ne vorrete fare e, in base ad esso, valutate pro e contro delle diverse soluzioni.

Non dimenticate che le borracce di Mondoffice sono anche personalizzabili col vostro brand, scopri di più nel nostro contenuto dedicato.

Potrebbe piacerti anche