Mondoffice sostiene l’associazione Occupy Albaro e Paolo Kessisoglu
A proposito di noi

Mondoffice sostiene l’associazione Occupy Albaro e Paolo Kessisoglu

Il 14 agosto 2018 crolla una parte del Ponte Morandi di Genova, provocando 43 vittime e 566 sfollati.

Mondoffice ha deciso di supportare il tessuto imprenditoriale genovese attraverso l’associazione Occupy Albaro e Paolo Kessisoglu, che promuovono la ripresa delle attività commerciali della Valpolcevera, zona che ha subito i danni maggiori a causa del crollo del Ponte Morandi.

 

Mondoffice si è attivata a sostegno dell’associazione Occupy Albaro facendo una donazione e promuovendo la raccolta fondi presso i suoi clienti, che invita a preordinare e condividere la canzone “C’è da fare”. Il brano, scritto e prodotto da Paolo Kessisoglu, è stato presentato il 24 febbraio scorso durante la trasmissione di Fabio Fazio Che tempo che fa. Ad inciderla insieme all’artista genovese, hanno partecipato alcune tra le migliori voci del panorama musicale italiano: Ivano Fossati, Gino Paoli, J – Ax, Malika Ayane, Mario Biondi, Nina Zilli, Annalisa, Nek, Giuliano Sangiorgi, Massimo Ranieri, Boosta, Izi, Nitro, Luca Carboni, Simona Molinari, Arisa, Ron, Mauro Pagani, Fiorella Mannoia, Max Gazzè, Lo Stato Sociale, Joan Thiele, Raphael Gualazzi, Giorgia e Gianni Morandi.

 

Occupy Albaro è un’associazione apolitica, apartitica e senza fini di lucro, fondata nel luglio del 2013. Tra le principali attività spiccano quelle promosse a favore della Lega Italiana contro i Tumori e della popolazione di Amatrice.

 

Scopri come sostenere la comunità imprenditoriale della Valpolcevera visitando il sito cedafare.com e preordina il brano e il videoclip “C’è da fare” sulle piattaforme digitali Spotify, La Feltrinelli e Ibs.it. Oppure effettua una donazione libera tramite PayPal.

 

 

Redirect 301 /approfondimenti/staples-mondoffice-sostiene-lassociazione-occupy-albaro-e-paolo-kessisoglu.html https://admin-mondoffice-com.stkc.stmn.us/a-proposito-di-noi/staples-mondoffice-sostiene-lassociazione-occupy-albaro-e-paolo-kessisoglu.html